Finger’s arriva a Roma

Finger’s arriva a Roma

Il famoso fusion restaurant giappo-brasiliano di Roberto Okabe, dopo l’apertura di Milano, finalmente sbarca a Roma e sceglie l’azienda Ittielle per dare vita alla nuova location e aprire il cantiere per questo entusiasmante progetto.
Finger’s nasce tredici anni fa, e da quel giorno ha aperto due sedi a Milano (il secondo si chiama Finger’s Garden), una a Porto Cervo e una Megève.
La location scelta per la sede romana è nel vero cuore della capitale, a pochi metri dalla centralissima Piazza Del Popolo. L’apertura del nuovo ‘figlio’ di Roberto Okabe è prevista per il mese il aprile, in via Francesco Carrara.

Il suo creatore definisce Finger’s come un “software giapponese in hardware brasiliano”, la verità è che c’è anche un ingegno italiano dietro questa meraviglia. I piatti di Finger’s riescono a prendere il meglio tra Italia, Giappone e Brasile trasformando il tutto in armonia e continua novità. Piatti che hanno conquistato i vip milanesi, ma anche gli intenditori di tutta Europa.

Finger’s Roma prevederà circa cinquanta coperti, più una quarantina sotto il portico, tavoli e un sushi bar, il tutto all’insegna di un ambiente accogliente e che riporti a quel concetto di eleganza senza tempo della Dolce Vita.

Fiore all’occhiello di Finger’s Roma (e anche nostro!) è l’area lounge, interamente dedicata al mondo della mixologia, con specifici cocktail nipponico-brasiliani da abbinare ai piatti, ma anche semplicemente per permettere a chi volesse prolungare la propria visita da Finger’s e rilassarsi, di non andarsene appena finito di mangiare, concetto godereccio (e sicuramente molto più romano che milanese), anch’esso tipico della già citata Dolce Vita.

Gli arredi quindi, sono stati tutti interamente studiati dai nostri architetti Laura Rubino e Valerio Cappella, che hanno voluto citare e prendere spunto dal milanese Finger’s Garden, ma renderlo ancora più glamour e sofisticato. In conclusione, finalmente l’era di questa nuova Dolce Vita è alle porte, e la cosa più bella, è che in piccola, piccolissima parte, ce ne sentiamo anche responsabili!

 



Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi